Esser compresi, non è necessario. Poeti futuristi! Bisogno furioso di liberare le … Perchè servirsi ancora di quattro ruote esasperate che s’annoiano, dal momento che possiamo staccarci dal suolo ? GFDL Assai prima di Bergson questi due geni creatori coincidevano col mio genio affermando nettamente il loro odio per l’intelligenza strisciante, inferma e solitaria, e accordando tutti i diritti all’immaginazione intuitiva e divinatrice. Anteprima del testo MANIFESTO TECNICO DELLA LETTERATURA FUTURISTA. Solo per mezzo di analogie vastissime uno stile orchestrale, ad un tempo policrono, polifonico, e polimorfo, può abbracciare la vita della materia. 3-La letteratura esaltò fino ad oggi l'immobilità penosa, l'estasi ed … Noi utilizziamo, invece, tutti i suoni brutali, tutti i gridi espressivi della vita violenta che ci circonda, FACCIAMO CORAGGIOSAMENTE IL «BRUTTO» IN LETTERATURA, E UCCIDIAMO DOVUNQUE LA SOLENNITÀ. la stessa accezione che ha per noi oggi. Questa pagina è stata modificata per l'ultima volta il 7 mag 2017 alle 23:17. La mano che scrive sembra staccarsi dal corpo e si prolunga in libertà assai lungi dal cervello, che, anch’esso in qualche modo staccato dal corpo e divenuto aereo, guarda dall’alto, con una terribile lucidità, le frasi inattese che escono dalla penna. 4. — SI DEVE ABOLIRE L’AVVERBIO, [p. 89 modifica]vecchia fibbia che tiene unite l’una all’altra le parole. La sintassi va distrutta: i verbi usati all’infinito, aboliti aggettivi e avverbi, i sostantivi accostati sulla carta senza segni d’interpunzione. Disprezzo gli scherzi e le ironie innumerevoli, e rispondo alle interrogazioni scettiche e alle obiezioni importanti lanciate dalla stampa europea contro il mio Manifesto tecnico della letteratura futurista. Però, e questa è solo in parte una contraddizione, è proprio dai Simbolisti francesi che Marinetti trae i primi insegnamenti per un linguaggio nuovo: le analogie di Mallarmé, la lingua senza fili di Rimbaud sono alla base dei suoi esperimenti linguistici come “le parole in libertà”, senza nessi sintattici, senza punteggiatura ecc… quello che cambia è l’atteggiamento verso il mondo, se i simbolisti sono introversi, schivi, sognatori, Marinetti è estroverso, trascinatore, immerso nella realtà materiale del suo tempo. Ci offre anche lo slancio a ritroso di un nuotatore i cui piedi escono dal mare e rimbalzano violentemente sul trampolino. 5. — OGNI SOSTANTIVO DEVE AVERE IL SUO DOPPIO, cioè il sostantivo deve essere seguito, senza congiunzione, dal sostantivo a cui è legato per analogia. Bisogna dunque abolire nella lingua tutto ciò che essa contiene in fatto d’immagini stereotipate, di metafore scolorite, e cioè quasi tutto. La velocità annienta le dimensioni di spazio e di tempo e la poesia deve fare altrettanto. Noi vogliamo esaltare il movimento aggressivo, l'insonnia febbrile, il passo di corsa, il salto mortale, lo schiaffo ed il pugno.Noi affermiamo che la magnificenza del mondo si è arricchita di una bellezza nuova; la bellezza della velocità. L’analogia non è altro che l’amore profondo che collega le cose distanti, apparentemente diverse ed ostili. Marinetti, Tommaso - Il Manifesto tecnico della letteratura futurista Appunto di Italiano che analizza il Manifesto tecnico della letteratura futurista che presenta le nuove regole del testo. L’uomo completamente avariato dalla biblioteca e dal museo, sottoposto a una logica e ad una saggezza spaventose, non offre assolutamente più interesse alcuno. Indice:Marinetti - I Manifesti del futurismo, 1914.djvu Appena il necessario per camminare, per correre un momento e fermarsi quasi subito sbuffando! Le lettere maiuscole indicheranno al lettore i sostantivi che sintetizzano una analogia dominatrice. La poesia deve essere traboccante di energia, se il mondo corre deve correre anche lei, anche lei deve essere forte altrimenti si allontanerebbe dalla vita, non sarebbe vera. Talvolta quest’ultima genera bruscamente l’ispirazione, talvolta invece l’accompagna. Non si tratta di rendere i drammi della materia umanizzata. Il manifesto ufficiale è il Manifesto del Futurismo pubblicato da Marinetti su “Le Figaro” nel 1909, seguito dal Manifesto tecnico della letteratura futurista del 1912. I miti ci sono ancora ma sono nuovi, gli dei dell’antichità sono sostituiti dalla velocità, dalla macchina, dall’elettricità. Ed ecco una gran dama allo spettacolo... Vastamente scollacciato, il deserto infatti mette in mostra il suo seno immenso dalle curve liquefatte, tutte verniciate di belletti rosei sotto le gemme crollanti della prodiga notte.» («Battaglia di Tripoli»). Be’ in effetti questo Marinetti ancora non lo spiega…. Volete [p. 91 modifica]che io vi faccia dei madrigali pieni di grazia e di colore? Non è un tipo Marinetti capace di seguire le orme e così, come si era opposto a una tranquilla e sicura carriera da avvocato, così da intellettuale e da scrittore non si accontenta di quello che offre il panorama europeo d’inizio Novecento. Cannone 149-elefante artiglieri-cornacs issa-oh [p. 103 modifica]collera leve lentezza pesantezza centro carica fantino metodo monotonia allenatori distanza gran-premio parabola x luce zang-tumb-tuuum mazza infinito Mare = merletti-smeraldi-freschezza-elasticità-abbandono-mollezza corazzate-acciaio-concisione-ordine Bandiera-di-combattimento (prati cielo-bianco-di-caldo sangue) = Italia forza orgoglio-italiano fratelli mogli madre insonnia gridìo-di-strilloni gloria dominazione caffè racconti-di-guerra                Torri cannoni-virilità-volate erezione telemetro estasi tumb-tumb 3 secondi tumbtumb onde sorrisi risate cic ciac plaff pluff gluglugluglu giocare-a-rimpiattino cristalli vergini carne gioielli perle iodio sali bromi gonnelline gas liquori bolle 3 secondi                tumbtumb ufficiale bianchezza telemetro croce fuoco drindrin megafono alzo-4-mila-metri tutti- a- sinistra basta fermi-tutti sbandamento-7-gradi erezione splendore getto forare immensità azzurro-femmina sverginamentoaccanimento corridoi grida labirinto materassi singhiozzi sfondamento deserto letto precisione telemetro monoplano loggione applausi                monoplano = balcone-rosa-ruota-tamburo trapano-tafano > disfatta-araba bue sanguinolenza macello ferite rifugio oasi umidità ventaglio freschezza siesta strisciamento germinazione sforzo dilatazione-vegetale sarò-più-verde-domani restiamo-bagnati serba-questa-goccia-d’acqua bisogna-arrampicarsi-3-centimetri-per-resistere-a-20-grammi-di-sabbia-e-3000-grammi-di-tenebre via-lattea-albero-di-cocco stelle-noci-di-cocco latte grondare succo delizia. Salvo la forma a festoni tradizionale, questo periodo del mio Mafarka il futurista è un esempio di una simile fitta rete di immagini: «Tutta l’acre dolcezza della gioventù scomparsa gli saliva su per la gola, come dai cortili delle scuole salgono le grida allegre dei fanciulli verso i maestri affacciati al parapetto delle terrazze da cui si vedono fuggire i bastimenti...». Sono altrettanti movimenti della materia, fuor dalle leggi dell’intelligenza e quindi di una essenza più significativa. La letteratura esaltò fino ad oggi l'immobilità pensosa, l'estasi ed il sonno. Quello che i futuristi contestano è la visione romantica della donna, come essere fragile, racchiuso in ruolo stereotipato, a riprova di questo è il fatto che il Futurismo è stato il primo dei movimenti del ‘900 ad accogliere. Noi viviamo già nell'assoluto, poiché abbiamo già creata l'eterna velocità onnipresente. Bisogna dunque sopprimere il come, il quale, il così, il simile a. Meglio ancora, bisogna fondere direttamente l’oggetto coll’immagine che esso evoca, dando l’immagine in iscorcio mediante una sola parola essenziale. Avevamo lungamente calpestata su opulenti tappeti orientali la nostra atavica accidia, discutendo davanti ai confini estremi della logica ed annerendo molta carta di frenetiche scritture.Un immenso orgoglio gonfiava i nostri petti, poiché ci sentivamo soli, in quell’ora, ad esser desti e ritti, come fari superbi o come sentinelle avanzate, di fronte all’esercito delle stelle nemiche, occhieggianti dai loro celesti accampamenti. È appunto mediante un uso sapiente dell’aggettivo e dell’avverbio, che si ottiene il dondolìo melodioso e monotono della frase, il suo sollevarsi interrogativo e commovente e il suo cadere riposante e graduale di onda sulla spiaggia. 1914 • RUSSOLO. L’allegoria, infatti, è il seguirsi dei secondi termini di parecchie analogie, tutte legate insieme logicamente. Manifesto della prima Esposizione di scultura futurista Manifesto tecnico della letteratura futurista La distruzione della quadratura Manifesto futurista della Lussuria L’Arte dei rumori Distruzione della sintassi, immaginazione senza fili, parole in libertà L’antitradizione futurista La pittura dei suoni, rumori e odori Il Teatro di Varietà Programma politico futurista È quindi impossibile determinare esattamente il momento in cui finisce l’ispirazione incosciente e comincia la volontà lucida. Sono altrettanti spettacoli insopportabili. Talvolta, quest’ultimo è tenuto a guinzaglio da un avverbio elegante. E’ lui che ferma a un tratto i timpani delle gamelle e dei fucili cozzanti, per lasciar cantare a voce spiegata sull’orchestra degli strumenti in sordina, tutte le stelle doro, ritte, aperte le braccia, sulla ribalta del cielo. Bisogna sputare ogni giorno sull’Altare dell’Arte! Il coraggio, l'audacia, la ribellione, saranno elementi essenziali della nostra poesia. Dopo il suo inizio africano in “rosa e nero”, il giovane Tommaso prosegue gli studi superiori a Milano e poi a Parigi. La sintassi era una specie di cifrario astratto che ha servito ai poeti per informare le folle del colore, della musicalità, della plastica e dell’architettura dell’universo. Noi entriamo nei dominii sconfinati della libera intuizione. Torna in conclusione l’attacco alla cultura del passato e ai luoghi che la custodiscono. Questo manifesto tecnico - datato 11 maggio 1912 - propone, invece, di regolare l'intervento sulle forme letterarie. Il calore di un pezzo di ferro o di legno è ormai più [p. 93 modifica]appassionante, per noi, del sorriso o delle lagrime di una donna. Riassunto breve sulla vita di Marinetti e sul movimento del Futurismo Nel ’38 soltanto, lui, allattato da una nutrice sudanese, prende posizione contro le leggi razziali. Questo procedimento puramente esplicativo, privo d’imprevisto, imposto anticipatamente a tutti gli arabeschi, zig-zag e sobbalzi del pensiero, non ha più ragione di essere. Questa lotta eroica li porta in alto, al di sopra degli altri, al di sopra di tutto e di tutti. … Continua, Biografia e opere di Umberto Boccioni, pittore e scultore tra i protagonisti del futurismo italiano… Continua, Il futurismo nell'arte: idee e principi dell'avanguardia novecentesca che ha trovato un testo programmatico nel Manifesto del Futurismo di Marinetti… Continua, Vita e opere di Marinetti e il Futurismo: tesina di storia dell'arte… Continua, Divisionismo e Futurismo italiano: analisi dei movimenti artistici, con riferimenti storici, e descrizione di due opere futuriste di Boccioni… Continua. Noi vogliamo inneggiare all'uomo che tiene il volante, la cui asta ideale attraversa la Terra, lanciata a corsa, essa pure, sul circuito della sua orbita.Bisogna che il poeta si prodighi con ardore, sfarzo e munificenza, per aumentare l'entusiastico fervore degli elementi primordiali. 3. ../La distruzione della quadratura IncludiIntestazione 7. — Le parole liberate dalla punteggiatura irradieranno le une sulle altre, incroceranno i loro diversi magnetismi, secondo il dinamismo ininterrotto del pensiero. Manifesto futurista della Lussuria. Dunque, dobbiamo abolirlo nella letteratura, e sostituirlo finalmente colla materia, di cui si deve afferrare l’essenza a colpi d’intuizione, la qual cosa non potranno mai fare i fisici né i chimici. Mediante l’intuizione, vinceremo l’ostilità apparentemente irriducibile che separa la nostra carne umana dal metallo dei motori. Il futurismo cerca di ascrivere dentro l’ambito del letterario anche quello che tradizionalmente non era considerato degno di farvi parte in particolare immagini legate alla modernità quindi macchina, metropoli e ciò che è considerato antiestetico e brutto. Già per troppo tempo l’Italia è stata un mercato di rigattieri. Identici, veramente, per la sinistra promiscuità di tanti corpi che non si conoscono. Guardatevi dal prestare alla materia i sentimenti umani, ma indovinate piuttosto i suoi differenti impulsi direttivi, le sue forze di compressione, di dilatazione, di coesione, e di disgregazione, le sue torme di molecole in massa o i suoi turbini di elettroni. — Manifesto tecnico della letteratura futurista, Marinetti - I Manifesti del futurismo, 1914.djvu, Manifesto della prima Esposizione di scultura futurista, Manifesto tecnico della letteratura futurista, https://it.wikisource.org/w/index.php?title=I_Manifesti_del_futurismo/Manifesto_tecnico_della_letteratura_futurista&oldid=1896382, licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo. La letteratura e l’arte del passato erano basate sui miti o sugli insegnamenti religiosi. Quei che ti fanno in basso batter Vali.». • PRATELLA. MANIFESTO TECNICO DELLA LETTERATURA FUTURISTA 11 maggio 1912. I futuristi lanciano un grido al mondo e il mondo effettivamente li ascolta. Bisognerà, per questo, rinunciare ad essere compresi. Con quest'opera, Marinetti rinuncia parzialmente alle Parole in libertà teorizzate nel Manifesto tecnico della letteratura futurista e sperimentate in Zang Tumb Tumb e 8 anime in una bomba, tornando allo stile allegorico e alle suggestioni africane del suo primo romanzo, Mafarka il Futurista. Il periodo latino era dunque nato morto. Noi vogliamo liberarla dagl’innumerevoli musei che la coprono tutta di cimiteri innumerevoli. 2. — SI DEVE USARE IL VERBO ALL’INFINITO, perchè si adatti elasticamente al sostantivo e non lo sottoponga all’io dello scrittore che osserva o immagina. Altri, più avanzati, potrebbero paragonare quello stesso fox-terrier trepidante, a una piccola macchina Morse. Giungeremo un giorno ad un’arte ancor più essenziale, quando oseremo sopprimere tutti i primi termini delle nostre analogie per non dare più altro che il seguito ininterrotto dei secondi termini. Manifesto del Futurismo, pubblicato a Parigi il 20 febbraio 1909 nel quale viene esaltata la velocità, il progres-so, la macchina in corsa, l’avvento dell’energia elettrica, la nuova bel-lezza del movimento (anche quello della rissa e della violenza). Eccoli! Siccome la velocità aerea ha moltiplicato la nostra conoscenza del mondo, la percezione per analogia diventa sempre più naturale per l’uomo. Sui numeri della rivista che vanno da ottobre 1907 a gennaio 1908 esce il poema in prosa “La mort tient le volant” che si ispira alle gare automobilistiche di Brescia, è secondo lo stesso Marinetti la vera svolta, quella in cui ha la geniale intuizione della velocità, dell’ebrezza del rischio, in una parola del Futurismo. In aeroplano, seduto sul cilindro della benzina, scaldato il ventre dalla testa dell’aviatore, io sentii l’inanità ridicola della vecchia sintassi ereditata da Omero. Il genio ha raffiche impetuose e torrenti melmosi. Questi testi propagandistici e divulgativi, scritti da Marinetti e firmati dagli aderenti, sono il suo migliore prodotto letterario. 6. — ABOLIRE ANCHE LA PUNTEGGIATURA. 6. — Perciò appunto io ricorro alla aridità astratta dei segni matematici, che servono a dare le quantità riassumendo tutte le spiegazioni, senza riempitivi, ed evitando la mania pericolosa di perder tempo in tutti i cantucci della frase, in minuziosi lavori da cesellatore, da gioielliere o da lustrascarpe. La modernità, la tecnologia, paradossalmente fa risvegliare gli istinti naturali, porta energie nuove e li fa sentire “come giovani leoni”. Si deve usare il verbo all'infinito erché si adatti elasticamente al sostantivo e non 10 sottopongæall'imdéllo scrittor che osserva o … Il periodo latino che ci ha servito finora era un gesto pretensioso col quale l’intelligenza tracotante e miope si sforzava di domare la vita multiforme e misteriosa della materia. Scrivendo per esempio: «Una donna giovane e bella cammina rapidamente sul lastricato di marmo», lo spirito tradizionale si affretta a spiegare che quella donna è giovane e bella, quantunque l’intuizione dia semplicemente un movimento bello. Non v'è più bellezza se non nella lotta. Autori vari Nulla è più interessante, per un poeta futurista, che l’agitarsi della tastiera di un pianoforte meccanico. Cosa rappresenta l’automobile per i futuristi? Il Manifesto futurista espone i principi di un nuovo movimento culturale che combatte fortemente tutto ciò che è legato alla tradizione. Le nostre vecchie orecchie troppe volte entusiaste non hanno forse già distrutto Beethoven e Wagner? La loro lunghezza e il loro peso regolano il passo dello stile che è sempre necessariamente sotto tutela, e gli impediscono di riprodurre il volo dell’immaginazione. («Battaglia di Tripoli»). Noi vogliamo distruggere i musei, le biblioteche, le accademie d'ogni specie, e combattere contro il moralismo, il femminismo e contro ogni viltà opportunistica e utilitaria. Manifesto tecnico della letteratura futurista Il manifesto reca la data dell' 11 maggio 1912. l. Bisogna distruggere la sintassi disponendo i sostantivi a caso, come nascono. Si dimentica quindi la ragione, che è piena e sovraccarica degli insegnamenti del passato e si corre, rischiando, verso il nuovo. E l’elica soggiunse: 1. — BISOGNA DISTRUGGERE LA SINTASSI DISPONENDO I SOSTANTIVI A CASO, COME NASCONO. In certi casi bisognerà unire le immagini a due a due, come le palle incatenate, che schiantano, nel loro volo tutto un gruppo d’alberi. A vostra scelta signora... Voi somigliate per me, a un tribuno proteso, la cui lingua eloquente, instancabile, colpisce al cuore gli uditori in cerchio, commossi... Siete, in questo momento, un trapano onnipotente, che fora in tondo il cranio troppo duro di questa notte ostinata... Il mondo della letteratura e in particolare quello della poesia è dominato dal Simbolismo, una corrente che non vede niente di buono nella realtà e che per questo preferisce rifugiarsi in una dimensione onirica, fantastica, trasognata. E il primo “Il Manifesto” per antonomasia è il modello di tutti i successivi, analizziamone dunque i passaggi fondamentale per rintracciare i principi che animano tutto il movimento culturale fino al primo dopoguerra. Parole in libertà significa che le parole non sono organizzate in frasi e periodi. Testo, analisi e commento del Manifesto del futurismo di Tommaso Marinetti, la raccolta di pensieri e intenzioni dei Futuristi. Le immagini non sono fiori da scegliere e da cogliere con parsimonia, come diceva Voltaire. Per accentuare certi movimenti e indicare le loro direzioni, s’impiegheranno segni della matematica: + — X: = > <, e i segni musicali. Io lo paragono invece, a un’acqua ribollente. Tutte queste elastiche intuizioni, con le quali io completo il mio Manifesto tecnico della letteratura futurista, sono sbocciate successivamente nel mio cervello mentre creavo la mia nuova opera futurista, della quale ecco un frammento fra i più significativi: Mezzogiorno ³¼ flauti gemiti solleone tumbtumb allarme Gargaresch schiantarsi crepitazione marcia Tintinnìo zaini fucili zoccoli chiodi cannoni criniere ruote cassoni ebrei frittelle pani-all’olio cantilene bottegucce zaffate lustreggìo cispa puzzo cannella Noi vogliamo cantare l'amor del pericolo, l'abitudine all'energia e alla temerità. Essa appartiene intera al poeta divinatore che saprà liberarsi dalla sintassi tradizionale, pesante, ristretta, attaccata al suolo, senza braccia e senza ali perchè è soltanto intelligente. La materia fu sempre contemplata da un io distratto, freddo, troppo preoccupato di sé stesso, pieno di pregiudizi di saggezza e di ossessioni umane. Bisogna — dicono — risparmiare la meraviglia del lettore. È dall'Italia che noi lanciamo per il mondo questo nostro manifesto di violenza travolgente e incendiaria col quale fondiamo oggi il «Futurismo» perché vogliamo liberare questo paese dalla sua fetida cancrena di professori, d'archeologi, di ciceroni e d'antiquari. (Hanno paragonato per esempio un fox-terrier a un piccolissimo puro-sangue. Nel 1905 fonda a Milano la rivista internazionale “Poesia” dove pubblica i suoi scritti critici ma anche le sue opere, che in quegli anni sono tutte in lingua francese. 3. Nei primi tre punti il Manifesto enuncia l’opposizione futurista allo stile di vita e ai valori artistico-culturali del passato, fondati sulla contemplazione e sull’esta-si (dalla letteratura classicista a quella romantica, al Simbolismo, all’Estetismo, al Crepuscolarismo) e, per contro, esalta il 5. — Credo necessario sopprimere l’aggettivo e l’avverbio, perchè sono ad un tempo, e a volta a volta, i festoni variopinti, i panneggi a sfumature, i piedistalli, i parapetti e le balaustrate del vecchio periodo tradizionale. L’avverbio conserva alla frase una fastidiosa unità di tono. 9. — Per dare i movimenti successivi d’un oggetto bisogna dare la catena delle analogie che esso evoca, ognuna condensata, raccolta in una parola essenziale. Il manifesto tecnico della letteratura futurista La letteratura futurista rifiuta la tradizione, tutto ciò che è vecchio, che è legato alla morte ed esalta invece tutto ciò che è vita. Mappa concettuale Futurismo Video Manifesto Futurista Testo Manifesto Futurista La guerra è per loro uno strumento per la genesi di questo mondo nuovo. La macchina si trasforma nel mezzo e nel fine della creatività artistica e della sensibilità estetica. Le intuizioni profonde della vita congiunte l’una all’altra, parola per parola, secondo il loro nascere illogico, ci daranno le linee generali di una PSICOLOGIA INTUITIVA DELLA MATERIA. Essa si rivelò al mio spirito dall’alto di un aereoplano. CC BY-SA 3.0 Quanto più le immagini contengono rapporti vasti, tanto più a lungo esse conservano la loro forza di stupefazione. La materia non è né triste né lieta. Ci gridano: «La vostra letteratura non sarà bella! Bisogno furioso di liberare le parole, traendole fuori dalla prigione del periodo latino! Noi vogliamo esaltare il movimento aggressivo, l'insonnia febbrile, il passo di corsa, il salto mortale, lo schiaffo ed il pugno. Non avremo più la sinfonia verbale, dagli armoniosi dondolii, e dalle cadenze tranquillizzanti!» Ciò è bene inteso! I pittori, appunto, che hanno una esigenza materiale, che devono tradurre le parole in pratica mettono appunto il concetto di dinamismo attraverso la figura che perde i margini e che, con una tecnica prettamente divisionista, si deve fondere con il contesto circostante, spiegano la loro tavolozza fatta di colori puri e di accostamenti complementari e i nuovi soggetti che sono il treno, la macchina, la città brulicante di vita… solo nel 1913 anche i poeti avranno finalmente anche loro qualche indicazione “pratica” come le parole in libertà, l’aggettivazione semaforica, l’uso del verbo all’infinito, l’abolizione delle regole ortografiche e sintattiche, l’uso del verso libero e dei segni matematici, la rivoluzione tipografica in cui l’organizzazione del testo sulla pagina bianca assume nella sua disposizione un valore figurativo. L’uso dosato della poesia e della musica Manifesto tecnico della letteratura futurista. 2. Il documento auspica la nascita di una letteratura rivoluzionaria e libera da tutte le regole, persino quelle grammaticali, ortografiche e di punteggiatura. […]Che ci si vada in pellegrinaggio, una volta all’anno, come si va al Camposanto nel giorno dei morti... velo concedo. 3. — SI DEVE ABOLIRE L’AGGETTIVO perchè il sostantivo nudo conservi il suo colore essenziale. //it.wikisource.org/w/index.php?title=I_Manifesti_del_futurismo/Manifesto_tecnico_della_letteratura_futurista&oldid=- Noi vogliamo cantare l'amor del pericolo, l'abitudine all'energia e alla temerità.Il coraggio, l'audacia, la ribellione, saranno elementi essenziali della nostra poesia. Liberazione delle parole, ali spiegate dell’immaginazione, sintesi anagogica della terra abbracciata da un solo sguardo e raccolta tutta intera in parole essenziali.

Palermo 1976 77, Essere Una Sognatrice, Sognare Un Pranzo Con Tante Persone, Malattie Psicosomatiche Della Pelle, Qualcosa Di Impossibile Sinonimo, Long Way Down One Direction, New York Criminalità 2020, Taylor Mega Comodino, Navona Stay Tripadvisor,